Garnier Opera

L’Opéra Garnier fu costruita durante la grande riforma della capitale francese orchestrata da Napoleone III e dal barone Haussmann nel XIX secolo. Costruito nel 1862 dal giovane architetto Charles Garnier in stile Secondo Impero. Fu completata nel 1875 nei primi giorni della Terza Repubblica. Era allora il più grande teatro dell’opera del mondo.

È il tredicesimo teatro dell’Opera di Parigi dalla sua fondazione da parte di Luigi XIV nel 1669. Fu costruita per ordine di Napoleone III nell’ambito del grande progetto di ricostruzione parigina guidato dal barone Haussmann. Il progetto dell’opera è stato messo in gara e vinto da Charles Garnier, un architetto sconosciuto di 35 anni. I lavori di costruzione, che durarono quindici anni, dal 1860 al 1875, furono interrotti da numerosi incidenti, tra cui la guerra del 1870, la caduta dell’Impero e del Comune. Il Palazzo Garnier fu inaugurato il 15 gennaio 1875. Da notare che questo massiccio edificio è stato costruito su un fiume sotterraneo che continua ad alimentare un lago sotterraneo. Creato da Gaston Leroux, Le Fantôme de l’Opéra, continua, si dice, a svolgere la sua attività in questo luogo.

Architettura

Lo stile del Secondo Impero fu un punto di riferimento nell’architettura lirica, in particolare grazie all’Opéra Garnier, che divenne un punto di riferimento in questo campo.

Il teatro è riccamente decorato. La grande scalinata, i cui primi dieci gradini formano un pomposo vano scala, conduce al grande foyer che si apre sui camerini con le loro modanature fiorite.
All’esterno e all’interno, il gioco di pietre bianche e marmi colorati con i bronzi dorati delle statue sottolinea la maestosità delle proporzioni. I nuovi affreschi del soffitto a colori vivaci sono stati progettati e realizzati da Marc Chagall nel 1964. Al centro è appeso un enorme lampadario di cristallo da sei tonnellate.

“Il Teatro dell’Opera

L’Opera è un’accademia di musica e danza, nonché un luogo di incanto intriso della passione che ha animato le arti liriche fin dalla loro origine. Compositori e coreografi geniali, grandi strumentisti, cantanti e danzatori hanno dato il meglio di sé in una gamma di registri che va dal disperato al sublime. Ecco come gli intrighi più spettacolari di un mondo romantico si intrecciavano e si dipanavano sul palco, nei camerini dell’artista o dello spettatore e nelle ali di questo palazzo mitologico.

I biglietti per un balletto non sono facili da ottenere. Tuttavia, se non riuscite ad averne uno, non perdetevi l’atmosfera di velluto dorato e rosso dell’edificio stesso (la sala principale è aperta dalle 11.00 alle 16.30).

Qualche cifra :

Superficie: 11.237 m2
Lunghezza: 173 m
Larghezza massima: 125 m
Altezza delle fondamenta della lira di Apollo: 73,6 m
Scala grande: 30 m di altezza
Grande camino: 18 m di altezza, 54 m di lunghezza, 13 m di larghezza
Auditorium: 20 m di altezza, 32 m di profondità, 31 m di larghezza (massimo)
Peso del lampadario: 8 tonnellate

La costruzione fu accompagnata dall’apertura di un grande viale che, all’epoca, collegava il Palais des Tuileries al nuovo teatro dell’opera. Bruciato nel 1871, durante i giorni di violenza della Comune di Parigi, il Palais des Tuileries ha oggi solo il suo giardino.

Per la costruzione di questo viale, un intero quartiere è stato distrutto.

L’Opera di Parigi è un edificio che riunisce diversi stili, un po’ barocco, una piccola copia del Rinascimento italiano. In ogni caso un’opera bellissima, con una facciata decorata con sculture che all’epoca scandalizzavano i puritani e un’impressionante decorazione interna.

La grande scala centrale è famosa per la sua disposizione, i marmi, i dipinti e i mosaici.

Ancora più impressionante è la sala espositiva, tutta oro e rosso, con un soffitto che contrasta con il resto dell’arredamento. Chagall vi dipinse i suoi angeli e le sue figure fluttuanti e luminose.

Partecipare a uno spettacolo

Se potete, durante il vostro soggiorno a Parigi, assistere a uno spettacolo all’Opéra Garnier.

L’inverno è il periodo ideale per approfittare del ricco programma culturale di Parigi.

Come vestirsi

Vestitevi come se foste a cena in un ristorante di lusso. Visto che siete arrivati fin qui, scegliete un bel vestito e godetevi la serata. Non è richiesto alcun costume per gli uomini. E nell’intervallo, bevete un bicchiere di champagne al bar dell’opera.

Miti e leggende

Tra le leggende e i miti parigini, alcuni di essi si riferiscono all’Opéra Garnier.

Il fatto che Garnier fosse il tredicesimo teatro dell’opera costruito a Parigi ha contribuito all’emergere di superstizioni e leggende intorno al monumento. Un incidente mortale nel 1896 ha di nuovo allentato l’immaginazione. Quest’anno, il 20 maggio, il contrappeso dell’enorme lampadario del teatro dell’opera è stato rotto durante una rappresentazione che ha colpito la persona che occupava il posto numero 13. Per un po’ di tempo sono stati fatti commenti sulla maledizione, i rumori e i sussurri nei corridoi dei camerini.

Questo fatto è stato probabilmente la fonte di ispirazione per Gaston Leroux per il suo famoso libro Le Fantôme de l’Opéra.

Garnier è anche legato al mito di un lago sotterraneo a Parigi.

Il terreno in questa zona era molto umido e, durante la costruzione del teatro dell’opera, per incanalare l’umidità ed evitare infiltrazioni, è stato costruito un enorme “bacino” sotto il palcoscenico del teatro dell’opera. Oggi questo pool esiste ancora e ha diverse funzioni. Una volta al mese, i vigili del fuoco vi si esercitano per cercare i sopravvissuti nei sotterranei allagati. Serve anche come serbatoio in caso di incendio.

Come visitare l’Opéra Garnier

Potete visitare l’Opéra di Parigi come se steste visitando un qualsiasi monumento. Non c’è bisogno di andare a uno spettacolo per vedere l’interno.

Il biglietto per visitarla costa 14 euro. L’opera è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 17.

Place de l’Opéra, 75009 Parigi
Autobus: 20, 21, 22, 27, 27, 29, 42, 52, 66, 68, 81, 95
Linea 3, 7, 8 della metropolitana : Opera
RER A: Auber

https://www.operadeparis.fr/